image
Articolo
20 aprile 2017 - Attualità - Medio Oriente - Il Giornale
Nel Medioriente è già pulizia etnica I cristiani sono a rischio di estinzione
Fausto Biloslavo
Il Papa arriverà al Cairo a fine mese e gli attacchi delle bandiere nere contro i cristiani non si fermano. L\'ultimo è avvenuto martedì a un posto di blocco della polizia che difende il monastero di Santa Caterina nel Sud del Sinai. Un agente è stato ucciso e altri quattro feriti, ma gli assalitori hanno dovuto ripiegare.
«L\'attacco condotto nel Sud del Sinai è stato eseguito dai combattenti dello Stato islamico» ha rivendicato l\'agenzia di stampa Amaq legata al Califfato. La ventina di monaci greco-ortodossi stanno bene e l\'antico luogo di culto non è stato colpito. Il monastero sorge alle pendici del monte dove Mosè avrebbe parlato con Dio ricevendo i dieci comandamenti. L\'attacco segue la strage con di Pasqua nelle chiese di Tanta e Alessandria, che ha provocato la morte di una cinquantina di fedeli per mano di due terroristi suicidi.
Purtroppo non è l\'unico martirio dei cristiani in Medio Oriente. Dalla Siria all\'Irak, dalla Libia allo Yemen, chi crede in Gesù è perseguitato.
I cristiani in Egitto sono il 10% di una popolazione di 94 milioni, in gran parte musulmana e vivono assediati da sempre. Dal 2011 sono 77 gli attacchi contro la minoranza copta solo nella provincia di Minya, dove i cristiani registrano la concentrazione più alta con un terzo degli abitanti. Dopo la caduta del presidente dei Fratelli musulmani, Mohammed Morsi, gli attacchi sono aumentati. I cristiani vengono bollati come alleati del nuovo capo di stato, il generale Abdel Fattah Al Sisi.
Il Califfato ha cacciato 135mila cristiani da Mosul e dalla piana di Ninive fuggiti come profughi nel nord dell\'Irak nel 2014. Adesso sono rimasti in 90mila. Gli altri sono scappati all\'estero. E hanno paura di tornare nelle loro case, anche se sono state liberate dall\'offensiva contro la «capitale» dello Stato islamico. Per rimettere in piedi i villaggi cristiani ci vorranno oltre 200 milioni di dollari. Ed una nuova minaccia si profila all\'orizzonte: le milizie sciite, vittoriose a Mosul, vorrebbero occupare le terre cristiane con l\'appoggio finanziario dell\'Iran.
Nel 2003, prima dell\'invasione alleata che ha abbattuto Saddam Hussein, i cristiani in Irak erano oltre un milione e mezzo. Adesso sono appena 300mila anime.
Il rischio di estinzione dei cristiani in Medio Oriente è concreto e si tocca con mano anche in Siria dove sono fuggiti dalla guerra in mezzo milione. Paolo si convertì sulla strada di Damasco, ma in città come Aleppo gran parte delle chiese sono state distrutte dai combattimenti. E dei 120mila cristiani prima della sanguinosa «Primavera araba» ne sono rimasti 35mila. Molti fedeli di Gesù sono stati rapiti e uccisi, talvolta con la crocifissione. Padre Paolo Dall\'Oglio, il religioso italiano dell\'antico monastero di Mar Musa è stato sequestrato nel 2013 e probabilmente ammazzato. Gli ostaggi cristiani vengono utilizzati come scudi umani in prima linea o per scavare trincee. Nella maggior parte dei casi servono per fare cassa. Nel 2015 erano stati rapiti in 230 dallo Stato islamico a Qaryatayn. I tagliagole volevano 30 milioni di dollari per lasciarli andare.
Anche in Libia i cristiani sono sotto tiro. Le bandiere nere hanno decapitato sia un gruppo di 21 egiziani copti sia di 31 eritrei cristiani, tutti migranti. Le orribili scene delle esecuzioni di massa sono state riprese sulla spiaggia con il sangue dei martiri che si mescolava alla risacca del Mediterraneo.
Secondo la fondazione pontificia, Aiuto alla chiesa che soffre, nel febbraio dello scorso anno erano detenuti in Iran 90 cristiani a causa della loro fede. In Arabia Saudita non si possono costruire chiese. Nello Yemen nel marzo 2016 quattro religiose di santa Madre Teresa di Calcutta sono state uccise assieme ad altre 12 persone per mano jihadista.
www.gliocchidellaguerra.it
[continua]

radio

27 maggio 2006 | Radio 24 | intervento
Medio Oriente
Iraq, il sequestro di Enzo Baldoni
Venerdì 20 agosto 2004. Il giornalista Enzo Baldoni, è scomparso in Iraq, insieme al suo autista, accompagnatore ed interprete Garib. Baldoni collabora con il settimanale Diario diretto da Enrico Deaglio. 26 agosto, intorno alle 23. L'emittente Al Jazeera annuncia la morte di Enzo Baldoni. Il suo corpo non è mai stato ritrovato.

play

19 maggio 2012 | Radio Uno | intervento
Medio Oriente
Le primavere arabe diventate autunno
Al festival "è storia" di Gorizia le "notti bianche" di Radio Uno sulle primavere arabe che sono già diventate autunno.

play

12 marzo 2003 | Radio 24 Nove in punto | intervento
Medio Oriente
Embedded per l'invasione dell'Iraq/1
Avrei dovuto andare embedded con i reparti corazzati americani che si preparavano ad attaccare l'Iraq, ma poi non c'era posto. Allora ho raccontato lo stesso l'invasione seguendo le truppe alleate autonomamente, a mio rischio e pericolo. Con una jeep noleggiata in Kuwait ho percorso nel deserto iracheno 4325 chilometri di guerra, durante il mese di battaglia dell'invasione

play

12 marzo 2003 | Radio 24 Nove in punto | intervento
Medio Oriente
Embedded per l'invasione dell'Iraq/2
Avrei dovuto andare embedded con i reparti corazzati americani che si preparavano ad attaccare l'Iraq, ma poi non c'era posto. Allora ho raccontato lo stesso l'invasione seguendo le truppe alleate autonomamente, a mio rischio e pericolo. Con una jeep noleggiata in Kuwait ho percorso nel deserto iracheno 4325 chilometri di guerra, durante il mese di battaglia dell'invasione

play

[altri collegamenti radio]