image
Articolo
04 agosto 2018 - Il Fatto - Libia - Il Giornale
Missione Sophia, il bidone dell’Ue a Roma I profughi continueranno a sbarcare qui
Fausto Biloslavo
Il rinnovo dell\'operazione Sophia tanto sbandierato da Bruxelles? Si profila il solito bidone per l\'Italia. Ieri alla riunione del Comitato politico e di sicurezza Ue è stato presentato il documento di revisione «del mandato strategico dell\'operazione Sophia», che non contiene una proposta alternativa allo sbarco dei migranti in Italia. Il governo gialloverde ha chiesto che le persone soccorse in mare dalle navi di Eunavfor Med vengano smistate anche altrove. La decisione sembrava fosse stata presa al vertice europeo di fine giugno, dove si era parlato di «responsabilità condivisa». Ma nel documento presentato ieri c\'erano solo alcune righe generiche sulla «necessità di trovare un accordo tra gli Stati». Difficile da raggiungere dato che molti Paesi europei vogliono andare avanti con gli sbarchi solo in Italia fino a dicembre, teoricamente fine mandato della missione Sophia. Alla riunione di Bruxelles è stato ribadito che nelle prossime settimane si deve trovare una soluzione, altrimenti Roma prenderà decisioni unilaterali. Il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, anello debole della compagine governativa, si era detto convinto che l\'Europa avrebbe cambiato registro. E ha annunciato che nel frattempo i migranti recuperati dalla flotta Ue sotto comando italiano continueranno a essere sbarcati solo nei nostri porti.
Nelle ultime 48 ore sono arrivati a Lampedusa, alla spicciolata, su 13 diversi barchini, 135 clandestini, in gran parte tunisini. Altri 14 sono stati intercettati al largo di capo Teulada. I tunisini non fuggono da un Paese in guerra e possono venire espulsi grazie a un accordo con il loro governo. «Hanno sprecato soldi, tempo e fatica, verranno rimandati a casa nei prossimi giorni. In Italia si entra col permesso, la pacchia è finita», ha twittato il ministro dell\'Interno, Matteo Salvini. Il responsabile del Viminale ha pure annunciato l\'altolà alla nave dei talebani dell\'accoglienza Open Arms, che sta vagando nel Mediterraneo dopo aver raccolto in mare 97 migranti salpati dalla Libia. L\'Ong spagnola cerca un porto «sicuro». Salvini ha sottolineato: «Ovunque, ma non in Italia». Anche il leader degli U2 Bono Vox, intervistato da Rtl 102.5 ha detto che l\'Italia «non deve essere lasciata da sola». Parole a cui Salvini ha risposto: «Ce ne fossero come lui anche da noi, purtroppo abituati a milionari che danno lezioni di morale».
La linea dura, che sta azzerando gli sbarchi, provoca la rappresaglia dei pasdaran pro migranti come il Legal team Italia, gruppo di avvocati no global fan di Carlo Giuliani, l\'attivista morto in uno scontro con i carabinieri al G8 di Genova nel 2001. Difensori dei violenti No Tav hanno denunciato Salvini per «attentato alla Costituzione». Il caso riguarda la brutta storia dei migranti che grazie a una specie di ammutinamento si sono fatti portare verso l\'Italia da un rimorchiatore italiano. Poi sono stati trasbordati sulla nave Diciotti della Guardia costiera, ma il Viminale negava lo sbarco sollecitato dal presidente della Repubblica. L\'eversore, però, è Salvini e non chi ha fatto sbarcare in Italia i violenti, in gran parte clandestini. Il Legal team ipotizza che «il ministro avrebbe impartito ordini e direttive su materie sottratte alla sua competenza». Salvini non si scompone: «Continuerò a fare quello che gli italiani mi hanno chiesto: difendere i confini, garantire la sicurezza del Paese, fermare il business dell\'immigrazione clandestina». 
Ieri il titolare dell\'Interno ha anche annunciato il piano migranti in cantiere, che sarà il cuore del decreto sicurezza: un investimento da «almeno un miliardo» per sostenere l\'economia e il lavoro in Tunisia, Marocco e Algeria. Paesi dove non a caso Salvini si recherà a breve.
[continua]

video
24 marzo 2011 | TG5 | reportage
Diario dalla Libia in fiamme
Diario dalla Libia in fiamme

play
21 marzo 2011 | TG4 | reportage
Diario dalla Libia in fiamme
Diario dalla Libia in fiamme

play
06 aprile 2011 | TG4 | reportage
Diario dalla Libia in fiamme
Diario dalla Libia in fiamme

play
[altri video]
radio

08 marzo 2011 | Panorama | intervento
Libia
Diario dalla Libia
Diario dalla Libia

play

26 agosto 2011 | Radio Città Futura | intervento
Libia
I giornalisti italiani rapiti a Tripoli


play

10 marzo 2011 | Panorama | intervento
Libia
Diario dalla Libia
Diario dalla Libia

play

09 marzo 2011 | Panorama | intervento
Libia
Diario dalla Libia
Diario dalla Libia

play

02 marzo 2011 | Panorama | intervento
Libia
Diario dalla Libia
Una nube nera su tutta Tripoli

play

[altri collegamenti radio]




fotografie







[altre foto]