image
Articolo
09 agosto 2018 - Interni - Italia - Il Giornale
Moavero a Marcinelle: migranti pure gli italiani L’ira leghista: “Offende”
I l ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, paragona i migranti italiani della tragedia di Marcinelle a quelli che arrivano oggi e la Lega lancia un siluro. Sessantadue anni fa 262 minatori, tra cui 136 italiani, morirono nell\'incendio della miniera di carbone. Le versioni fra il messaggio scritto di Moavero e le parole riportate dalle agenzie di stampa che sarebbero state pronunciate alla celebrazione dal ministro, però divergono.
«Non dimentichiamo che Marcinelle è una tragedia dell\'immigrazione, soprattutto ora che tanti vengono in Europa - avrebbe detto Moavero - Non sottostimiamo la difficoltà di gestire un tale fenomeno ma non dimentichiamo che i nostri padri e nonni erano migranti». Sul sito della Farnesina il discorso scritto è più sfumato: siamo stati «una nazione di emigranti. Non scordiamoci mai dei loro sacrifici (dei nostri nonni e padri). Pensiamoci quando vediamo arrivare in Europa i migranti della nostra travagliata epoca».
Poche ore dopo i capigruppo della Lega alla Camera e al Senato, Riccardo Molinari e Massimiliano Romeo replicano a muso duro. «Paragonare gli italiani che sono emigrati nel mondo, a cui nessuno regalava niente né pagava pranzi e cene in albergo, ai clandestini che arrivano oggi in Italia è poco rispettoso della verità, della storia e del buon senso» sostengono i leghisti in un comunicato. Il «siluro» politico è micidiale, ma non imprevisto. Moavero è l\'anello debole del governo gialloverde. Scialbo dal punto di vista politico aveva già fatto storcere il naso alla Lega con dichiarazioni troppo arrendevoli sull\'operazione europea Sophia, che continua a sbarcare i migranti solo in Italia. L\'incauto paragone con Marcinelle ha dato fuoco alle polveri.
E il delicato tema dell\'immigrazione ha provocato ieri l\'ennesimo esposto contro il governo presentato alla procura di Napoli per il rimorchiatore italiano Asso 28, che una decina di giorni fa, su richiesta della Guardia costiera libica ha riportato verso Tripoli 101 migranti soccorsi in mezzo al mare. Non è un caso che la denuncia sia stata preparata dagli avvocati Danilo Risi ed Elena Coccia. Il primo, presidente dei Giuristi democratici di Napoli, si è candidato al Senato con i comunisti duri e puri di Potere al popolo. La seconda è consigliere comunale nel capoluogo partenopeo per l\'estrema sinistra di Sel.
Nell\'esposto si denuncia che i migranti sono stati riportati in Libia, «porto non sicuro senza alcuna possibilità di avanzare domanda di asilo o di protezione internazionale». I pasdaran pro migranti non lo citano, ma è evidente il riferimento a Matteo Salvini e alla sua linea di fermezza al Viminale. Nel mirino finisce anche il ministro grillino Danilo Toninelli responsabile del Centro di soccorso della guardia costiera a Roma tirato in causa.
Curioso che fra la trentina di firmatari ci sia anche Mauro Volpi, docente universitario, che lo stesso Toninelli interpellava nel 2016 in video su YouTube con il logo del Movimento 5 stelle per «le ragioni del no» al referendum sulla riforma costituzionale di Matteo Renzi. L\'unico personaggio noto del mondo intellettuale, che sottoscrive l\'esposto, è Moni Ovadia, pro sinistra estrema del greco Tsipras.
Primo firmatario è il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, seguito da Guido Calvi, eletto con i voti del Pd al Csm. Pasdaran dell\'accoglienza che hanno sottoscritto la denuncia e indossato la toga sono Luigi Ferrajoli e Livio Pepino, strenuo difensore dei No Tav da quando è andato in pensione. Fra i politici dell\'esposto pro migranti spiccano un paio di ex sottosegretari. Alfonso Gianni del governo Prodi e Vincenzo Maria Vita, che è stato sottosegretario per quattro esecutivi di centrosinistra.
[continua]

video
10 giugno 2008 | Emittente privata TCA | reportage
Gli occhi della guerra.... a Bolzano /2
Negli anni 80 lo portava in giro per Milano sulla sua 500, scrive Panorama. Adesso, da ministro della Difesa, Ignazio La Russa ha voluto visitare a Bolzano la mostra fotografica Gli occhi della guerra, dedicata alla sua memoria. Almerigo Grilz, triestino, ex dirigente missino, fu il primo giornalista italiano ucciso dopo la Seconda guerra mondiale, mentre filmava uno scontro fra ribelli e governativi in Mozambico nell’87. La mostra, organizzata dal 4° Reggimento alpini paracadutisti, espone anche i reportage di altri due giornalisti triestini: Gian Micalessin e Fausto Biloslavo.

play
29 dicembre 2011 | SkyTG24 | reportage
Almerigo ricordato 25 anni dopo
Con un bel gesto, che sana tante pelose dimenticanze, il presidente del nostro Ordine,Enzo Iacopino, ricorda davanti al premier Mario Monti, Almerigo Grilz primo giornalista italiano caduto su un campo di battaglia dopo la fine della seconda guerra mondiale, il 19 maggio 1987 in Mozambico.

play
10 giugno 2008 | TG3 regionale | reportage
Gli occhi della guerra.... a Bolzano /1
Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, non dimentica i vecchi amici scomparsi. Il 10 giugno ha visitato a Bolzano la mostra fotografica “Gli occhi della guerra” dedicata ad Almerigo Grilz. La mostra è stata organizzata dal 4° Reggimento alpini paracadutisti. Gli ho illustrato le immagini forti raccolte in 25 anni di reportage assieme ad Almerigo e Gian Micalessin. La Russa ha ricordato quando "sono andato a prendere Fausto e Almerigo al ritorno da uno dei primi reportage con la mia vecchia 500 in stazione a Milano. Poco dopo li hanno ricoverati tutti e due per qualche malattia". Era il 1983, il primo reportage in Afghanistan e avevamo beccato l'epatite mangiando la misera sbobba dei mujaheddin, che combattevano contro le truppe sovietiche.

play
[altri video]
radio

15 marzo 2018 | Radio Radicale | intervento
Italia
Missioni militari e interesse nazionale
https://www.radioradicale.it/scheda/535875/missioni-militari-e-interesse-nazionale Convegno "Missioni militari e interesse nazionale", registrato a Roma giovedì 15 marzo 2018 alle 09:23. L'evento è stato organizzato da Center for Near Abroad Strategic Studies. Sono intervenuti: Paolo Quercia (Direttore del CeNASS, Center for Near Abroad Strategic Studies), Massimo Artini (vicepresidente della Commissione Difesa della Camera dei deputati, Misto - Alternativa Libera (gruppo parlamentare Camera)), Fausto Biloslavo (giornalista, inviato di guerra), Francesco Semprini (corrispondente de "La Stampa" da New York), Arije Antinori (dottore di Ricerca in Criminologia ed alla Sicurezza alla Sapienza Università di Roma), Leonardo di marco (generale di Corpo d'Armata dell'Esercito), Fabrizio Cicchitto (presidente della Commissione Affari esteri della Camera, Area Popolare-NCD-Centristi per l'Europa). Tra gli argomenti discussi: Difesa, Esercito, Esteri, Forze Armate, Governo, Guerra, Informazione, Italia, Ministeri, Peace Keeping, Sicurezza. La registrazione video di questo convegno ha una durata di 2 ore e 46 minuti. Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio

play

[altri collegamenti radio]




fotografie







[altre foto]