image
Articolo
09 maggio 2019 - Attualità - Pakistan - Il Giornale
Asia Bibi in Canada dalle figlie Altri 25 in carcere in Pakistan
Fausto Biloslavo
Asia Bibi, il simbolo della persecuzione dei cristiani, ha lasciato il Pakistan raggiungendo finalmente il Canada, dove avevano già trovato rifugio le sue due figlie. Se lei ce l\'ha fatta, dopo 3.240 giorni di carcere nel braccio della morte, nessuno parla degli altri casi simili. Nelle galere pachistane sono ancora rinchiusi 25 cristiani accusati di blasfemia già condannati a morte, all\'ergastolo o in attesa di giudizio.
Bibi «si è ricongiunta alla sua famiglia» ha fatto sapere l\'avvocato, Saiful Malook. Pure lui fuggito all\'estero per minacce degli estremisti dopo l\'assoluzione della sua cliente del 31 ottobre. «È un grande giorno - ha dichiarato il legale - Asia Bibi ha lasciato il Pakistan ed è arrivata in Canada. Giustizia è fatta». La donna di 48 anni sarebbe giunta a Toronto la notte fra martedì e mercoledì e nelle prossime ore riabbraccerà le figlie Eisham ed Esha riparate in Canada a fine gennaio. Assieme al marito era stata costretta da mesi a vivere in una località segreta in Pakistan sotto protezione del governo dopo la rivolta dei partiti radicali come il Tehreek-e-Labbaik. Subito dopo la sentenza di assoluzione avevano paralizzato il Paese con proteste di piazza ottenendo un ulteriore ricorso. Alla fine la Corte suprema ha confermato l\'assoluzione in gennaio, ma ci sono voluti mesi per fare arrivare la perseguitata in Canada. Una fonte del ministero degli Esteri di Islamabad ha confermato che Bibi è «una cittadina libera e può andare dove vuole. Ha abbandonato il Pakistan per volontà propria e con l\'appoggio totale del governo».
La contadina pachistana era stata ingiustamente accusata di blasfemia dopo un alterco con delle donne musulmane. Un prete islamico locale aveva confermato le presunte offese a Maometto, ma anni dopo è stato sbugiardato dalla magistratura pachistana.
Dall\'approvazione della controversa legge sulla blasfemia nel 1986, ai tempi del dittatore Zia ul Haq sono 224 i casi di cristiani accusati di avere insultato il profeta Maometto o profanato il Corano spesso con prove inconsistenti o pretestuose. Nessuno è finito sul patibolo, per ora, ma 69 persone, non solo cristiani, coinvolti nel tritacarne della blasfemia sono state vittime di uccisioni extragiudiziali e omicidi mirati compreso il ministro per le Minoranze, Shahbaz Bhatti, che voleva abrogarla.
Un altro caso Bibi è quello di Sawan Masih accusato da un amico di blasfemia e condannato a morte nel 2014, che attende ancora oggi il processo di appello. Un anno prima proprio le accuse nei suoi confronti avevano scatenato i pogrom anti cristiani nel quartiere Joseph Colony di Lahore.
La Fondazione pontificia, «Aiuto alla Chiesa che soffre», si è battuta fin dall\'inizio per la liberazione di Asia Bibi. «La sua vicenda dimostra che si può vincere grazie alla pressione internazionale - spiega il direttore Giovanni Monteduro - Per questo ricordiamo che in Pa
[continua]

radio

13 maggio 2015 | Radio 24 Mix 24 - la storia | intervento
Pakistan
La Cia e gli intrighi internazionali
Terza ed ultima tappa del viaggio attraverso la storia della Cia. Mentre il mondo si sta adattando alla fine della guerra fredda, Saddam Hussein invade il Kuwait. Ma ancora una volta la più famosa Agenzia di intelligence al mondo compie l'errore di sottovalutare il pericolo e di non sapere leggere i fatti. Come nel caso degli attentati dell'11 settembre e del terrorismo. Chiudiamo la puntata con un'intervista al giornalista Fausto Biloslavo sulla cattura di Bin Laden e le accuse rivolte alla Casa Bianca di avere inventato la vicenda della cattura del capo di Al Qaeda.

play

17 dicembre 2014 | Radio24 | intervento
Pakistan
Orrore a Peshawar
E' di almeno 141 morti e 250 feriti il bilancio del brutale attacco talebano in una scuola di Peshawar, in Pakistan. Una strage che fa urlare all'orrore più di altre per il simbolo che si è voluto colpire e gli oltre 100 bambini uccisi. «Abbiamo scelto con attenzione l'obiettivo da colpire. Il governo sta prendendo di mira le nostre famiglie e le nostre donne. Vogliamo che provino lo stesso dolore» ha riferito il portavoce del commando che ha rivendicato l'attentato. L'indignazione e la rabbia hanno fatto il giro del mondo. Ne parliamo con l'ambasciatore italiano a Islamabad Adriano Chiodi Cianfarani e Fausto Biloslavo, giornalista di guerra per il Giornale.

play

04 maggio 2011 | Spazio Radio | intervento
Pakistan
La morte di Bin Laden e il dopo
Addirittura l’incubo di una rappresaglia nucleare con un mini ordigno nascosto da tempo in Occidente per vendicare Osama bin Laden, oppure attentati suicidi in Europa o ai danni dei cristiani nel mondo islamico. Morto il principe del terrore, con molti dubbi su cosa sia effettivamente accaduto, non salta fuori facilmente un altro. Oggi Al Qaida è un marchio in franchising utilizzato da organizzazioni sparse nel mondo che si ispirano all’ideologia di Bin Laden, ma che da tempo non ricevono ordini diretti. Per non parlare dei terroristi fai da te nati in Europa.

play

[altri collegamenti radio]