image
Artcolo
04 luglio 2020 - Prima - Italia - Il Giornale
Da Bonino a Mogherini: i traditori dei marò ora salgono sul carro
F acile salire sul carro del vincitore, dopo 8 anni di odissea giudiziaria dei due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Ex ministri e pure un ambasciatore della Nato in Afghanistan si fanno belli spiegando che sono loro ad avere sbloccato la situazione, ma non è così. Emma Bonino, ministro degli Esteri del governo Letta si è auto assunta la paternità del ricorso all\\\'arbitrato internazionale, che ha portato al riconoscimento della giurisdizione italiana. «Ho sempre pensato che fosse necessario seguire questa strada» ha dichiarato al Corriere della sera. A parte che il primo a lanciare l\\\'arbitrato a inizio 2013, era stato l\\\'allora ministro degli Esteri Giulio Terzi, poi «tradito» dal premier Mario Monti che rimandò i marò in India. Bonino non ricorda che proprio con la sua conduzione della Farnesina si è continuato ad imboccare la strada suicida imposta dagli indiani del processo a casa loro. Nel novembre 2013 la ministra dichiarava candidamente: «Adesso la procura di Delhi deve chiudere il fascicolo delle indagini, arrivare al capo d\\\'imputazione e poi si apre il processo». A tal punto che il Giornale andava all\\\'assalto chiedendo una svolta, ovvero di sbattere i pugni sul tavolo e fra le varie alternative possibili caldeggiava proprio l\\\'arbitrato internazionale. Bonino aveva indirettamente risposto: «Non ho mai capito bene cosa voglia dire» sbattere i pugni sul tavolo.
Ancora prima, nell\\\'ottobre 2013, in un\\\'infelice precisazione del suo staff, lungo la strada del procedimento in India, sosteneva che «non è accertata la colpevolezza e non è accertata l\\\'innocenza (dei marò, nda). I processi servono a questo».
Giulio Terzi conferma al Giornale che «l\\\'arbitrato è finito nel nulla per due anni con Bonino agli Esteri e all\\\'inizio Mogherini nel governo Renzi. Puntavano a chissà quale soluzione con gli indiani attraverso i servizi segreti». Al tempo fu addirittura presentata come «secret diplomacy», che non portò mai a nulla. Alla fine anche Renzi comprese che l\\\'unica strada era l\\\'arbitrato, finalmente avviato nel 2015.
Un altro ex ministro senza pudore, che salta sul carro del vincitore, è l\\\'ammiraglio Giampaolo Di Paola. «Grande soddisfazione per il parere espresso dal Tribunale dell\\\'Aja, dopo otto anni di attesa, di sofferenza e di sacrificio da parte dei due fucilieri della Marina» dichiara Di Paola, ministro della Difesa del governo Monti. A dargli man forte da Kabul, dove è Alto rappresentante civile per la Nato, l\\\'ambasciatore Stefano Pontecorvo. Secondo il diplomatico il risultato della sentenza indica chiaramente la posizione «che avevamo ottenuto dai tempi del ministro Di Paola ovvero che l\\\'Italia aveva giurisdizione e per la quale ci siamo battuti». Allora Pontecorvo era consigliere diplomatico alla Difesa.
«L\\\'idea dell\\\'arbitrato era stata proposta fin dall\\\'inizio dalla docente della Luiss, Angela Del Vecchio e partita da me all\\\'inizio del 2013 trattenendo i marò in Italia» racconta Terzi. All\\\'inizio Di Paola lo appoggiava, ma poi Monti tradì i marò rimandandoli in India. Terzi si dimise per protesta, ma Di Paola prese subito le distanze difendendo il governo con uno stucchevole discorso in aula. E non mollò la poltrona. Il risultato è che ci sono voluti oltre due anni per arrivare all\\\'arbitrato.
Non solo: Di Paola adesso contesta l\\\'indennizzo alle vittime imposto all\\\'Italia dal tribunale arbitrale. Si è dimenticato che fu proprio lui a caldeggiare nell\\\'aprile 2012 «un atto di donazione, di generosità, ex gratia» di 146mila euro a ciascuna famiglia dei due pescatori indiani uccisi in alto mare.
[continua]

video
11 novembre 2008 | Centenario della Federazione della stampa | reportage
A Trieste una targa per Almerigo Grilz
e tutti i caduti sul fronte dell'informazione

Ci sono voluti 21 anni, epiche battaglie a colpi di articoli, proteste, un libro fotografico ed una mostra, ma alla fine anche la "casta" dei giornalisti triestini ricorda Almerigo Grilz. L'11 novembre, nella sala del Consiglio comunale del capoluogo giuliano, ha preso la parola il presidente dell'Ordine dei giornalisti del Friuli-Venezia Giulia, Pietro Villotta. Con un appassionato discorso ha spiegato la scelta di affiggere all'ingresso del palazzo della stampa a Trieste una grande targa in cristallo con i nomi di tutti i giornalisti italiani caduti in guerra, per mano della mafia o del terrorismo dal 1945 a oggi. In rigoroso ordine alfabetico c'era anche quello di Almerigo Grilz, che per anni è stato volutamente dimenticato dai giornalisti triestini, che ricordavano solo i colleghi del capoluogo giuliano uccisi a Mostar e a Mogadiscio. La targa è stata scoperta in occasione della celebrazione del centenario della Federazione nazionale della stampa italiana. Il sindacato unico ha aderito all'iniziativa senza dimostrare grande entusiasmo e non menzionando mai, negli interventi ufficiali, il nome di Grilz, ma va bene lo stesso. Vale la pena dire: "Meglio tardi che mai". E da adesso speriamo veramente di aver voltato pagina sul "buco nero" che ha avvolto per anni Almerigo Grilz, l'inviato ignoto.

play
18 ottobre 2010 | La vita in diretta - Raiuno | reportage
L'Islam nelle carceri
Sono circa 10mila i detenuti musulmani nelle carceri italiane. Soprattutto marocchini, tunisini algerini, ma non manca qualche afghano o iracheno. Nella stragrande maggioranza delinquenti comuni che si aggrappano alla fede per sopravvivere dietro le sbarre. Ma il pericolo del radicalismo islamico è sempre in agguato. Circa 80 detenuti musulmani con reati di terrorismo sono stati concentrati in quattro carceri: Macomer, Asti, Benevento e Rossano. Queste immagini esclusive mostrano la preghiera verso la Mecca nella sezione di Alta sicurezza 2 del carcere sardo di Macomer. Dove sono isolati personaggi come il convertito francese Raphael Gendron arrestato a Bari nel 2008 e Adel Ben Mabrouk uno dei tre tunisini catturati in Afghanistan, internati a Guantanamo e mandati in Italia dalla Casa Bianca. “Ci insultano per provocare lo scontro dandoci dei fascisti, razzisti, servi degli americani. Una volta hanno esultato urlando Allah o Akbar, quando dei soldati italiani sono morti in un attentato in Afghanistan” denunciano gli agenti della polizia penitenziaria. Nel carcere penale di Padova sono un centinaio i detenuti comuni musulmani che seguono le regole islamiche guidati dall’Imam fai da te Enhaji Abderrahman Fra i detenuti comuni non mancano storie drammatiche di guerra come quella di un giovane iracheno raccontata dall’educatrice del carcere Cinzia Sattin, che ha l’incubo di saltare in aria come la sua famiglia a causa di un attacco suicida. L’amministrazione penitenziaria mette a disposizione degli spazi per la preghiera e fornisce il vitto halal, secondo le regole musulmane. La fede nell’Islam serve a sopportare la detenzione. Molti condannano il terrorismo, ma c’è anche dell’altro....

play
10 giugno 2008 | TG3 regionale | reportage
Gli occhi della guerra.... a Bolzano /1
Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, non dimentica i vecchi amici scomparsi. Il 10 giugno ha visitato a Bolzano la mostra fotografica “Gli occhi della guerra” dedicata ad Almerigo Grilz. La mostra è stata organizzata dal 4° Reggimento alpini paracadutisti. Gli ho illustrato le immagini forti raccolte in 25 anni di reportage assieme ad Almerigo e Gian Micalessin. La Russa ha ricordato quando "sono andato a prendere Fausto e Almerigo al ritorno da uno dei primi reportage con la mia vecchia 500 in stazione a Milano. Poco dopo li hanno ricoverati tutti e due per qualche malattia". Era il 1983, il primo reportage in Afghanistan e avevamo beccato l'epatite mangiando la misera sbobba dei mujaheddin, che combattevano contro le truppe sovietiche.

play
[altri video]
radio

27 gennaio 2020 | Radio 1 Italia sotto inchiesta | intervento
Italia
Esercito e siti ebraici
Fausto Biloslavo I nostri soldati rispettano la giornata della Memoria dell’Olocausto non solo il 27 gennaio, ma tutto l’anno. L’esercito, con l’operazione Strade sicure, schiera 24 ore al giorno ben 700 uomini in difesa di 58 siti ebraici sul territorio nazionale. Tutti obiettivi sensibili per possibile attentati oppure oltraggi anti semiti. “Per ora non è mai accaduto nulla anche grazie alla presenza dei militari, che serve da deterrenza e non solo. Il senso di sicurezza ha evitato episodi di odio e minacce ripetute come in Francia, che rischiano di provocare un esodo della comunità ebraica” spiega una fonte militare de il Giornale. I soldati, che si sono fatti le ossa all’estero, sorvegliano, quasi sempre con presidi fissi, 32 sinagoghe o tempi ebraici, 9 scuole, 4 musei e altri 13 siti distribuiti in tutta Italia, ma soprattutto al nord e al centro. La città con il più alto numero di obiettivi sensibili, il 41%, è Milano. Non a caso il comandante del raggruppamento di Strade sicure, come in altre città, è ufficialmente invitato alle celebrazioni del 27 gennaio, giorno della Memoria. Lo scorso anno, in occasione dell’anniversario della nascita dello Stato di Israele, il rappresentante della comunità ebraica di Livorno, Vittorio Mosseri, ha consegnato una targa al comandante dei paracadustisti. “Alla brigata Folgore con stima e gratitudine per il servizio di sicurezza prestato nell’ambito dell’operazione Strade sicure contribuendo con attenzione e professionalità al sereno svolgimento delle attività della nostro comunità” il testo inciso sulla targa. In questi tempi di spauracchi anti semiti l’esercito difende i siti ebraici in Italia con un numero di uomini praticamente equivalente a quello dispiegato in Afghanistan nel fortino di Herat. Grazie ad un’esperienza acquisita all’estero nella protezione delle minoranze religiose, come l’antico monastero serbo ortodosso di Decani in Kosovo. “In ogni città dove è presente la comunità ebraica esiste un responsabile della sicurezza, un professionista che collabora con le forze dell’ordine ed i militari per coordinare al meglio la vigilanza” spiega la fonte del Giornale. Una specie di “assessore” alla sicurezza, che organizza anche il sistema di sorveglianza elettronica con telecamere e sistemi anti intrusione di avanguardia su ogni sito. Non solo: se in zona appare un simbolo o una scritta anti semita, soprattuto in arabo, viene subito segnalata, fotografata, analizzata e tradotta. “I livelli di allerta talvolta si innalzano in base alla situazione internazionale” osserva la fonte militare. L’ultimo allarme ha riguardato i venti di guerra fra Iran e Stati Uniti in seguito all’eliminazione del generale Qassem Soleimani. Roma è la seconda città per siti ebraici presidiati dai militari compresi asili, scuole e oratori. Le sinagoghe sono sorvegliate pure a Napoli, Verona, Trieste e quando necessario vengono disposte le barriere di cemento per evitare attacchi con mezzi minati o utilizzati come arieti. A Venezia i soldati garantiscono la sicurezza dello storico ghetto. A Livorno e in altre città sono controllati anche i cimiteri ebraici. Una residenza per anziani legata alla comunità è pure nella lista dei siti protetti a Milano. Ed i militari di Strade sicure nel capoluogo lombardo non perdono d’occhio il memoriale della Shoah, lo sterminio degli ebrei voluto da Hitler.

play

[altri collegamenti radio]




fotografie







[altre foto]