image
Articolo
06 febbraio 2016 - Prima - Egitto - Il Giornale
Omicidio Regeni,due arresti Nei suoi scritti la sfida al potere
La polizia egiziana avrebbe arrestato due sospetti, 48 ore dopo il ritrovamento del cadavere di Giulio Regeni. «Le agenzie di sicurezza - spiegano fonti anonime - hanno raccolto indizi importanti sul caso, i quali dimostrano che si è trattato di un atto criminale non collegato al terrorismo». Una tempistica, che guarda caso coincide con l'arrivo al Cairo ieri pomeriggio di un team di investigatori italiani, che parteciperà alle indagini.La salma di Regeni arriverà oggi alle 13 a Roma accolta dal ministro della Giustizia Andrea Orlando. E verrà sottoposta ad autopsia ordinata dalla procura della Capitale, che ha aperto un fascicolo per omicidio. Ieri si è svolta una piccola cerimonia con i genitori e gli amici presso la cappella dell'ospedale Umberto I al Cairo, dove era stato portato il corpo.Gli investigatori italiani arrivati in Egitto sono 7 fra carabinieri, poliziotti ed Interpol.Nel caso emerge che la vittima non era proprio un ricercatore di Cambridge, al di sopra delle parti, come è stato dipinto dai giornali nazionali e locali. «In un contesto autoritario e repressivo come quello dell'Egitto dell'ex-generale al-Sisi, il semplice fatto che vi siano iniziative popolari e spontanee che rompono il muro della paura rappresenta di per sé una spinta importante per il cambiamento», scriveva Regeni in un articolo postumo pubblicato ieri dal Manifesto. Il riferimento è alle lotte contro una circolare del governo che «rappresenta un ulteriore attacco ai diritti dei lavoratori e alle libertà sindacali, fortemente ristrette dopo il colpo di stato militare del 3 luglio 2013». La famiglia aveva chiesto di non pubblicare l'articolo, che descrive una riunione dei sindacati dove si incita «una manifestazione unitaria di protesta a Tahrir!», diceva anche qualcuno tra i presenti, invocando la piazza che è stata teatro della stagione rivoluzionaria del periodo 2011-2013, e che da più di due anni è vietata a qualsiasi forma di protesta. Il brillante dottorando di Cambridge, non era proprio distaccato politicamente. Il Manifesto lo descrive come «marxista gramsciano». E nell'articolo postumo Regeni sosteneva che «sfidare lo stato di emergenza e gli appelli alla stabilità e alla pace sociale giustificati dalla guerra al terrorismo, significa oggi, pur se indirettamente, mettere in discussione alla base la retorica su cui il regime giustifica la sua stessa esistenza e la repressione della società civile». In un paese come l'Egitto dove l'antiterrorismo non va per il sottile e la polizia è nota per la sua brutalità significa attirarsi addosso possibili guai, soprattutto se fai il ricercatore e non il giornalista.Fonti diplomatiche italiane confermano che il telefonino di Regeni non è stato ritrovato. Fra i suoi contatti aveva personaggi poco amati dal regime o addirittura sulla lista nera e legati ai Fratelli musulmani fuorilegge al Cairo. Nessuna colpa, ma come ha scritto ieri il Giornale potrebbe essere un tassello per spiegare la brutta fine del giovane.«Giulio Regeni è uno di noi. È morto come uno di noi» si legge in arabo ed inglese su Facebook per un appello ad un sit in davanti all'ambasciata italiana oggi pomeriggio. L'iniziativa dei suoi amici locali ed attivisti ha già raccolto 400 adesioni: «È stato rapito, torturato e ucciso come molti altri egiziani».Sul caso Regeni il ministero degli Esteri de il Cairo ha denunciato «tentativi di compromettere le relazioni bilaterali» con il nostro Paese. «È importante non dare a certi nemici l'opportunità di strumentalizzare la morte del giovane» ha dichiarato Amr Helmy, ambasciatore egiziano in Italia.Il riferimento è probabilmente ai Fratelli musulmani, che hanno molti seguaci soprattutto a Milano. «Cercare la verità e la giustizia per il nostro Giulio Regeni è un dovere - ha annunciato Renato Brunetta a nome dei deputati di Forza Italia - Così come è un dovere non recedere dall'alleanza oggettiva tra Italia ed Egitto, anche in vista della stabilizzazione della Libia, che senza una partnership tra Al Sisi e il nostro Paese è compito impossibile».
[continua]

video
10 febbraio 2016 | Sky Tg24 | reportage
Il caso Regeni
I misteri di un'orribile moret al Cairo. I suoi supervisori dell'università di Cambridge lo avevano messo in guardia sui rischi che correva?

play
21 agosto 2013 | Uno Mattina | reportage
I Fratelli musulmani piegati dalla piazza e dai militari
Sull'Egitto i grandi inviati sono rimasti infatuati dai Fratelli musulmani duramente repressi, ma gran parte degli egiziani non stava più con loro e non li considerava delle vittime

play
23 febbraio 2016 | Porta a Porta | reportage
Il caso Regeni
Un video, denunce pubbliche dei pericoli per gli studenti in Egitto e scritti militanti mostrano un altro volto dei referenti accademici inglesi di Giulio Regeni. Non sono solo professori universitari, ma attivisti contro il regime egiziano oppure erano a conoscenza dei rischi della ricerca al Cairo dello studente friulano. Lo rivela il numero di Panorama in edicola con un titolo forte: “Le colpe dei docenti di Cambridge”.

play
[altri video]
radio

15 febbraio 2016 | Zapping Radio uno | intervento
Egitto
Misteri e sospetti sulla morte di Regeni
Ospedali Bombardati in Siria.Non si fermano i raid:Germano Dottori analista strategicoLuiss,Gastone Breccia esperto Medio Oriente,Loris De Filippi presidente MSF. I misteri ed i sospetti sulla morte di Regeni:Fausto Biloslavo.

play

07 aprile 2016 | Zapping Rai Radio 1 | intervento
Egitto
Regeni: la pista inglese
Le referenti accademiche di Regeni sono protette da un insolito tabù mediatico e governativo. In realtà proprio il ruolo delle docenti di Cambridge potrebbe indirizzare verso il movente dell’orribile fine del giovane ricercatore. Maha Abdulrahaman, la sua tutor di origini egiziane, l’11 giugno dello scorso anno aveva tenuto una conferenza sui “Diritti umani in Egitto” a Cambridge nella sede di Amnesty international, che ha lanciato la campagna “verità per Giulio”. La conferenza denunciava le “forme di repressione contro giornalisti, studenti, attivisti, lavoratori e cittadini ordinari”. Pur conoscendo bene i pericoli ha controfirmato l’analisi del rischio presentata da Regeni all’università per poter andare al Cairo. La sua sodale, Alexander, ha storto il naso contro la “tardiva” presa di posizione britannica: “Quando un dottorando viene torturato ed ucciso i ministri sembrano riluttanti a dire qualcosa di critico sulle autorità egiziane”. In ottobre con Regeni al Cairo, grazie ai suoi contatti, la docente di Cambridge pubblicava un’analisi proponendo l’alleanza fra gli attivisti di sinistra ed i Fratelli musulmani “capace di farla finita con il regime del generale” Al Sisi, presidente egiziano. Il 25 ottobre firmava un appello contro la visita del capo dello stato egiziano a Londra, poi pubblicato su Ikhwanweb, il sito ufficiale dei Fratelli musulmani. Il 4 novembre con Regeni sempre in prima linea al Cairo arringava la piazza a Londra bollando Al Sisi come “un assassino” sollevando l’entusiasmo e lo sventolio delle bandiere della Fratellanza. Il tutto immortalato in un video, che non può essere sfuggito ai servizi inglesi ed egiziani. Alexander fin dal 2009 è in contatto con Maha Azzam, presidente dell’Egyptian Revolutionary Council, il governo ombra dell’opposizione ad Al Sisi con sede a Ginevra. La Farnesina non ha mai voluto commentare questa parte, inquietante ed ambigua, del caso Regeni, che potrebbe portare al movente del delitto.

play

[altri collegamenti radio]