image
Articolo
08 giugno 2019 - Interni - Italia - Il Giornale
Si riaccende la rotta balcanica, Trieste in allerta
Fausto Biloslavo
Trieste I migranti ricominciano ad arrivare dal mare, ma ben presto potrebbe riesplodere la rotta balcanica. In Bosnia sono già bloccati fra 6mila e 8mila migranti che sognano di raggiungere l\\\'Italia o l\\\'Austria. E a Trieste, la porta d\\\'ingresso più vicina, gli arrivi sono triplicati dall\\\'inizio dell\\\'anno, dopo un\\\'impennata del 55% nel 2018 rispetto al 2017. Se esplode il «tappo» bosniaco il capoluogo giuliano rischia di trasformarsi nella Lampedusa del nord.
La situazione è al collasso a Bihac e Velika Kladusa, le due città bosniache vicine alla Croazia dove si concentrano i migranti. «Oramai siamo alla sbando. Non si riesce più a controllare gli arrivi» spiega una fonte del Giornale sul posto. Il 30 maggio il segretario generale della Croce Rossa bosniaca, Rajko Lazic, ha affermato che «le nostre squadre fanno il possibile, ma anche loro sono arrivate al livello di esaurimento e la situazione ha raggiunto un punto critico. Questa è una crisi umanitaria». Mercoledì sono scoppiati pesanti tafferugli a Velika Kladusa, che hanno coinvolto un centinaio di migranti. La polizia è intervenuta arrestando 20 persone.
Ufficialmente gli arrivi in Bosnia sarebbero 6mila dall\\\'inizio dell\\\'anno, ma non tutti vengono registrati. I migranti entrano nel paese dalla cittadina di Foca e solitamente si dirigono a Sarajevo, dove ci sono i centri di accoglienza della Caritas e della Mezza luna rossa. Una volta in Bosnia si muovono liberamente, anche se nella Republika Srpska i controlli sono massicci. Le stazioni dei treni vengono presidiate per non fare scendere i migranti. «A Prijedor ho visto che i vagoni sono praticamente circondati e possono scendere solo i locali» spiega la fonte. Da Sarajevo a Bihac i migranti arrivano solitamente in autobus, ma ultimamente si muovono anche a piedi. Le stime più alte parlano di 8mila persone, che poi rimangono imbottigliate davanti ai posti di confine croati, la frontiera della Ue. Si tratta soprattutto di afghani, pachistani, iracheni, pochi siriani, eritrei e senegalesi.
Via terra è più difficile e pericoloso. Gran parte della foresta è ancora minata a causa della guerra etnica degli anni \\\'90 e le strade principali sono presidiate dalle forze dell\\\'ordine. Le autorità bosniache temono per l\\\'estate movimenti massicci dalla Grecia. Si parla di 50mila migranti pronti ad arrivare, ma l\\\'unico dato certo è che lo scorso anno sono passati per la rotta balcanica in 25mila. Ieri la Caritas di Trieste e Gianfranco Schiavone, presidente del Consorzio Italiano di Solidarietà, hanno reso noto i dati degli arrivi in gran parte via Bosnia. Nei primi quattro mesi del 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018 i migranti entrati nel circuito dell\\\'accoglienza del capoluogo giuliano sono quasi triplicati. Numeri non ancora di guardia (664 persone), ma il trend è in aumento fin dal 2018 quando sono drasticamente diminuiti gli arrivi via mare. Lo scorso anno Trieste ha accolto 1.303 migranti, il 55% in più rispetto al 2017. Poi vanno aggiunte le 300 riammissioni in Slovenia da parte della polizia di frontiera e 95 arresti. E chissà quanti sono riusciti a non farsi intercettare.
[continua]

video
26 settembre 2012 | Uno Mattina | reportage
I lati oscuri (e assurdi) delle adozioni
Con mia moglie, prima di affrontare l’odissea dell’adozione, ci chiedevamo come mai gran parte delle coppie che sentono questa spinta d’amore andavano a cercare bambini all’estero e non in Italia. Dopo quattro anni di esperienza sulla nostra pelle siamo arrivati ad una prima, parziale e triste risposta. La burocratica e farraginosa gestione delle adozioni nazionali, grazie a leggi e cavilli da azzeccagarbugli, non aiutano le coppie che vogliono accogliere un bimbo abbandonato in casa propria, ma le ostacolano.

play
14 marzo 2015 | Tgr Friuli-Venezia Giulia | reportage
Buongiorno regione
THE WAR AS I SAW IT - L'evento organizzato dal Club Atlantico giovanile del Friuli-Venezia Giulia e da Sconfinare si svolgerà nell’arco dell’intera giornata del 10 marzo 2015 e si articolerà in due fasi distinte: MATTINA (3 ore circa) ore 9.30 Conferenza sul tema del giornalismo di guerra Il panel affronterà il tema del giornalismo di guerra, raccontato e analizzato da chi l’ha vissuto in prima persona. Per questo motivo sono stati invitati come relatori professionisti del settore con ampia esperienza in conflitti e situazioni di crisi, come Gianandrea Gaiani (Direttore responsabile di Analisi Difesa, collaboratore di diverse testate nazionali), Fausto Biloslavo (inviato per Il Giornale in numerosi conflitti, in particolare in Medio Oriente), Elisabetta Burba (firma di Panorama), Gabriella Simoni (inviata Mediaset in numerosi teatri di conflitto, specialmente in Medio Oriente), Giampaolo Cadalanu (giornalista affermato, si occupa di politica estera per La Repubblica). Le relazioni saranno moderate dal professor Georg Meyr, coordinatore del corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche dell’Università di Trieste. POMERIGGIO (3 ore circa) ore 14.30 Due workshop sul tema del giornalismo di guerra: 1. “Il reporter sul campo vs l’analista da casa: strumenti utili e accorgimenti pratici” - G. Gaiani, G. Cadalanu, E. Burba, F. Biloslavo 2. “Il freelance, l'inviato e l'addetto stampa in aree di crisi: tre figure a confronto” G. Simoni, G. Cuscunà, cap. B. Liotti

play
21 settembre 2012 | La Vita in Diretta | reportage
Islam in Italia e non solo. Preconcetti, paure e pericoli


play
[altri video]
radio

03 giugno 2019 | Radio Scarp | intervento
Italia
Professione Reporter di Guerra


play

[altri collegamenti radio]




fotografie







[altre foto]