image
Articolo
23 marzo 2020 - Il Fatto - Italia - Il Giornale
Un battaglione carico di aiuti da Mosca 9 aerei e 160 medici
austo Biloslavo
Arrivano i russi, in forze, per combattere il virus in Lombardia, la regione più flagellata dal nemico invisibile. Nove aerei cargo Ilyushin, 160 fra medici e specialisti, mezzi e tonnellate di materiale. Una missione anti virus guidata da un generale di corpo d\'armata. Il manipolo di medici cinesi arrivati con un solo aereo sparisce di fronte all\'operazione russa. «È un aiuto consistente, che serve ai russi anche per studiare il virus e prepararsi a un\'eventuale emergenza a casa loro» spiega una fonte militare del Giornale. L\'intervento è stato concordato fra il premier Giuseppe Conte e il presidente russo, Vladimir Putin.
Ieri sono partiti dalla base militare di Chkalovsky, vicino a Mosca, i bestioni da trasporto Ilyushin 76, uno ogni ora, per Pratica di Mare alle porte di Roma. Le forze aerospaziali russe hanno mobilitato otto brigate mobili di medici militari, veicoli speciali per la disinfezione e altre attrezzature mediche. I mezzi speciali e gli aerei avevano tutti il simbolo della missione: due cuori con i colori della bandiera della Federazione e dell\'Italia e la frase «dalla Russia con amore», che ricorda pure il film di 007. Le foto della Difesa russa mostrano le colonne di mezzi che si imbarcano nel ventre degli aerei cargo seguiti dalle file di medici in mimetica.
I russi stanno portando in Italia 100 ventilatori per le terapie intensive, 200mila mascherine, 1000 tute protettive, tre veicoli per la disinfezione e soprattutto apparecchiature per le analisi della positività al virus. Due macchine che possono processare 100 tamponi in un paio d\'ore, un migliaio di tamponi veloci (2 ore) e 100mila tamponi normali. Esercito ed aeronautica militare garantiranno, alloggio, trasporto e carburante per i russi. La spedizione verrà inviata da Pratica di Mare sul fronte lombardo in parte in elicottero e con una colonna terrestre. Il primo impiego dei russi sarà a Sondalo. Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha accolto la spedizione medica militare da Mosca all\'arrivo in Italia.
Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, aveva chiarito i dettagli dell\'operazione con il suo omologo russo Serghei Shoigu. Per poi dichiarare: «L\'Italia non è sola in questa sfida. Voglio ringraziare la Russia per gli aiuti che sta fornendo al nostro Paese nel superare questa emergenza». Curioso per un paese che fa parte della Nato, ma l\'Alleanza atlantica ha fatto ben poco. Anzi il Soc, Centro operativo sud con base a Taranto, ha inviato, come conferma lo stato maggiore della Difesa «tende di varie dimensioni, gruppi elettrogeni, bagni e docce campali» in Lussemburgo su richiesta del piccolo Stato.
L\'obiettivo è montare un ospedale da campo, che servirebbe anche in Italia, in un Paese che ha solo 670 contagiati e 8 morti. Forse la Difesa non ha chiesto aiuto alla Nato, ma pure Zio Sam non si è sprecato molto. Ieri, per rincorrere i russi, un solo aereo di trasporto C-130J Super Hercules è partito dalla base americana di Ramstein, in Germania, atterrando ad Aviano. L\'ambasciata Usa spiega che «ha trasportato un sistema mobile di stabilizzazione dei pazienti» con 10 posti letto, che può supportare un totale di 40 pazienti per un periodo di 24 ore. In pratica due tende con dotazioni mediche per una settimana, che verranno consegnate alla Difesa. Poca roba rispetto ai russi, che hanno messo in piedi una grossa operazione contro il virus. In Lombardia sono arrivati anche 37 medici e 15 infermieri cubani trasportati da un volo speciale Alitalia da L\'Avana a Malpensa. Esperti della lotta ad Ebola verranno impiegati a Crema. E dal 26 marzo atterrerà a Roma un Boeing cargo della nostra compagnia di bandiera proveniente da Shangai per trasportare ad ogni volo 160 metri cubi di forniture medicali comprese 3 milioni di mascherine.
[continua]

video
29 dicembre 2010 | | reportage
Gli occhi della guerra a Trieste
Dopo aver portato la mostra su 25 anni di reportage di guerra in tutta Italia, finalmente il 29 dicembre è stata inaugurata a Trieste, presso la sala espositiva della Parrocchia di Santa Maria Maggiore, via del Collegio 6. Gli occhi della guerra sono dedicati ad Almerigo Grilz e a tutti i giornalisti caduti sul fronte dell'informazione. La mostra rimarrà aperta al pubblico dal 10 al 20 gennaio. L'evento è stato organizzato dal Circolo universitario Hobbit con la sponsorizzazione della Regione.

play
10 giugno 2008 | TG3 regionale | reportage
Gli occhi della guerra.... a Bolzano /1
Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, non dimentica i vecchi amici scomparsi. Il 10 giugno ha visitato a Bolzano la mostra fotografica “Gli occhi della guerra” dedicata ad Almerigo Grilz. La mostra è stata organizzata dal 4° Reggimento alpini paracadutisti. Gli ho illustrato le immagini forti raccolte in 25 anni di reportage assieme ad Almerigo e Gian Micalessin. La Russa ha ricordato quando "sono andato a prendere Fausto e Almerigo al ritorno da uno dei primi reportage con la mia vecchia 500 in stazione a Milano. Poco dopo li hanno ricoverati tutti e due per qualche malattia". Era il 1983, il primo reportage in Afghanistan e avevamo beccato l'epatite mangiando la misera sbobba dei mujaheddin, che combattevano contro le truppe sovietiche.

play
11 novembre 2008 | Centenario della Federazione della stampa | reportage
A Trieste una targa per Almerigo Grilz
e tutti i caduti sul fronte dell'informazione

Ci sono voluti 21 anni, epiche battaglie a colpi di articoli, proteste, un libro fotografico ed una mostra, ma alla fine anche la "casta" dei giornalisti triestini ricorda Almerigo Grilz. L'11 novembre, nella sala del Consiglio comunale del capoluogo giuliano, ha preso la parola il presidente dell'Ordine dei giornalisti del Friuli-Venezia Giulia, Pietro Villotta. Con un appassionato discorso ha spiegato la scelta di affiggere all'ingresso del palazzo della stampa a Trieste una grande targa in cristallo con i nomi di tutti i giornalisti italiani caduti in guerra, per mano della mafia o del terrorismo dal 1945 a oggi. In rigoroso ordine alfabetico c'era anche quello di Almerigo Grilz, che per anni è stato volutamente dimenticato dai giornalisti triestini, che ricordavano solo i colleghi del capoluogo giuliano uccisi a Mostar e a Mogadiscio. La targa è stata scoperta in occasione della celebrazione del centenario della Federazione nazionale della stampa italiana. Il sindacato unico ha aderito all'iniziativa senza dimostrare grande entusiasmo e non menzionando mai, negli interventi ufficiali, il nome di Grilz, ma va bene lo stesso. Vale la pena dire: "Meglio tardi che mai". E da adesso speriamo veramente di aver voltato pagina sul "buco nero" che ha avvolto per anni Almerigo Grilz, l'inviato ignoto.

play
[altri video]
radio

27 gennaio 2020 | Radio 1 Italia sotto inchiesta | intervento
Italia
Esercito e siti ebraici
Fausto Biloslavo I nostri soldati rispettano la giornata della Memoria dell’Olocausto non solo il 27 gennaio, ma tutto l’anno. L’esercito, con l’operazione Strade sicure, schiera 24 ore al giorno ben 700 uomini in difesa di 58 siti ebraici sul territorio nazionale. Tutti obiettivi sensibili per possibile attentati oppure oltraggi anti semiti. “Per ora non è mai accaduto nulla anche grazie alla presenza dei militari, che serve da deterrenza e non solo. Il senso di sicurezza ha evitato episodi di odio e minacce ripetute come in Francia, che rischiano di provocare un esodo della comunità ebraica” spiega una fonte militare de il Giornale. I soldati, che si sono fatti le ossa all’estero, sorvegliano, quasi sempre con presidi fissi, 32 sinagoghe o tempi ebraici, 9 scuole, 4 musei e altri 13 siti distribuiti in tutta Italia, ma soprattutto al nord e al centro. La città con il più alto numero di obiettivi sensibili, il 41%, è Milano. Non a caso il comandante del raggruppamento di Strade sicure, come in altre città, è ufficialmente invitato alle celebrazioni del 27 gennaio, giorno della Memoria. Lo scorso anno, in occasione dell’anniversario della nascita dello Stato di Israele, il rappresentante della comunità ebraica di Livorno, Vittorio Mosseri, ha consegnato una targa al comandante dei paracadustisti. “Alla brigata Folgore con stima e gratitudine per il servizio di sicurezza prestato nell’ambito dell’operazione Strade sicure contribuendo con attenzione e professionalità al sereno svolgimento delle attività della nostro comunità” il testo inciso sulla targa. In questi tempi di spauracchi anti semiti l’esercito difende i siti ebraici in Italia con un numero di uomini praticamente equivalente a quello dispiegato in Afghanistan nel fortino di Herat. Grazie ad un’esperienza acquisita all’estero nella protezione delle minoranze religiose, come l’antico monastero serbo ortodosso di Decani in Kosovo. “In ogni città dove è presente la comunità ebraica esiste un responsabile della sicurezza, un professionista che collabora con le forze dell’ordine ed i militari per coordinare al meglio la vigilanza” spiega la fonte del Giornale. Una specie di “assessore” alla sicurezza, che organizza anche il sistema di sorveglianza elettronica con telecamere e sistemi anti intrusione di avanguardia su ogni sito. Non solo: se in zona appare un simbolo o una scritta anti semita, soprattuto in arabo, viene subito segnalata, fotografata, analizzata e tradotta. “I livelli di allerta talvolta si innalzano in base alla situazione internazionale” osserva la fonte militare. L’ultimo allarme ha riguardato i venti di guerra fra Iran e Stati Uniti in seguito all’eliminazione del generale Qassem Soleimani. Roma è la seconda città per siti ebraici presidiati dai militari compresi asili, scuole e oratori. Le sinagoghe sono sorvegliate pure a Napoli, Verona, Trieste e quando necessario vengono disposte le barriere di cemento per evitare attacchi con mezzi minati o utilizzati come arieti. A Venezia i soldati garantiscono la sicurezza dello storico ghetto. A Livorno e in altre città sono controllati anche i cimiteri ebraici. Una residenza per anziani legata alla comunità è pure nella lista dei siti protetti a Milano. Ed i militari di Strade sicure nel capoluogo lombardo non perdono d’occhio il memoriale della Shoah, lo sterminio degli ebrei voluto da Hitler.

play

[altri collegamenti radio]




fotografie







[altre foto]