image
Articolo
16 ottobre 2020 - Interni - Libia - Il Giornale
La battaglia per la Libia? Così l’Italia rischia di perderla a Bruxelles
Fausto Biloslavo
“Non è questo governo\" che ha bombardato la Libia creando il caos ha tuonato in Senato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. Peccato che proprio il Pd, alleato dei grillini, nel 2011 si era nettamente schierato per l’intervento militare contro Gheddafi. E proprio un suo collega di governo, il ministro della Cultura, Dario Franceschini, allora capogruppo del Partito democratico alla Camera rilasciava bellicose dichiarazioni e presentava mozioni per bombardare la Libia.
Non solo: l’inesperienza e impreparazione del titolare della Farnesina ci sta facendo perdere colpi a Bruxelles in nomine strategiche che riguardano anche la Libia.
Ieri Di Maio rispondeva alle interrogazioni dei senatori sul caso dei 18 pescatori sequestrati dal primo settembre a Bengasi, poche ore dopo la visita in Libia del ministro degli Esteri, che  aveva snobbato il generale Khalifa Haftar, uomo ancora forte della Cirenaica. La senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu, lo punzecchiava accusandolo di non combinare nulla. E Di Maio ha replicato: “Se sono l\'ennesimo ministro degli Esteri che si sta occupando della Libia è perché qualche governo l\'ha bombardata e non è questo governo”. Il riferimento è all’esecutivo Berlusconi pressato dal capo dello Stato Giorgio Napolitano per attaccare il colonnello Gheddafi. Di Maio forse dimentica che proprio il ministro delle Cultura Franceschini, come capogruppo Pd alla Camera nel 2011, era in prima linea per intervenire in Libia. E dichiarava: “Sono inaccettabili le esitazioni e le incertezze del governo” Berlusconi nella crisi libica. L’Italia, spiegava Franceschini, deve “schierarsi” con il “popolo che chiede democrazia”, ovvero i ribelli anti Gheddafi infiltrati da forze jihadiste. Il Pd era schierato per le bombe e un mese dopo l’inizio dei raid presentava alla Camera una mozione per “continuare nell’adottare ogni iniziativa necessaria ad assicurare una concreta protezione dei civili” ovvero colpire le truppe di Gheddafi. Il primo firmatario era l’attuale ministro Dario Franceschini.
In Senato il titolare della Farnesina ha dichiarato di avere ricevuto assicurazioni di Emirati arabi e Russia per il rilascio dei pescatori dal loro protetto Haftar. Di Maio è andato con il capello in mano a Mosca a chiedere al ministro degli Esteri, Sergej Lavrov, vecchio volpone della diplomazia di intervenire, subito dopo le sanzioni della Ue alla Russia per il caso dell’oppositore avvelenato Navalny. Peccato che l’Italia abbia votato a favore delle nuove sanzioni che colpiscono fedelissimi del presidente Vladimir Putin, che può convincere Haftar a liberare i pescatori.
Di Maio perde colpi anche a Bruxelles, nonostante l’incontro di martedì con l’Alto rappresentante della politica estera della Ue, lo spagnolo Josep Borrell, che poche ore dopo si è messo in quarantena per il contagio di un suo collaboratore. Il 30 settembre è scaduto il mandato al vertice di Eubam Libia di Vincenzo Tagliaferri. Una missione sul controllo dei confini libici, che ci interessa per il problema dei migranti. Al suo posto doveva essere nominata un’altra italiana, Natalina Cea, ma la selezione è stata annullata e si rifarà il 2 novembre. Dietro si intravede lo zampino dei francesi, ma altrettanto grave è l’incertezza sulla nomina che spetta direttamente a Borrell del nuovo capo del Centro di intelligence della Ue. Nella terna c’è l’italiano, Ferruccio Migani, ma pure un croato che non ha neanche i titoli. L’entourage di Borrell ha fatto sapere alla nostra rappresentanza guidata dall’ambasciatore Maurizio Massari: “Vi eravate abituati male con la Mogherini, che aveva italianizzato il servizio esteri della Ue”.
Di Maio sarebbe pronto a sacrificare le caselle minori pur di ottenere per l’ex ministro dell’Interno Pd, Marco Minniti, il posto di inviato europeo per la Libia, ma il rischio è che l’Italia perda tutto.
[continua]

video
07 aprile 2011 | TG4 | reportage
Diario dalla Libia in fiamme
Diario dalla Libia in fiamme

play
18 marzo 2011 | TG4 | reportage
Diario dalla Libia in fiamme
Diario dalla Libia in fiamme

play
23 marzo 2011 | TG5 | reportage
Diario dalla Libia in fiamme
Diario dalla Libia in fiamme

play
[altri video]
radio

10 marzo 2011 | Panorama | intervento
Libia
Diario dalla Libia
Diario dalla Libia

play

29 aprile 2011 | Spazio Radio | intervento
Libia
Piegare Gheddafi e preparare l'intervento terrestre
Gli americani spingono con insistenza per un maggiore coinvolgimento dell’Italia nel conflitto in Libia, non solo per passare il cerino politico agli europei. L’obiettivo finale è piegare il colonnello Gheddafi e far sbarcare una forza di interposizione in Libia, con ampia partecipazione italiana. Un modello stile ex Yugoslavia, dove il contingente occidentale è arrivato dopo l’offensiva aerea.

play

09 marzo 2011 | Panorama | intervento
Libia
Diario dalla Libia
Diario dalla Libia

play

26 aprile 2011 | Radio 101 | intervento
Libia
Con Luxuria bomba e non bomba
Il governo italiano, dopo una telefonata fra il presidente americano Barack Obama ed il premier Silvio Berlusconi, annuncia che cominciamo a colpire nuovi obiettivi di Gheddafi. I giornali titolano: "Bombardiamo la Libia". E prima cosa facevamo? Scherzavamo con 160 missioni aeree dal 17 marzo?

play

06 marzo 2011 | Panorama | intervento
Libia
Diario dalla Libia
Diario dalla Libia

play

[altri collegamenti radio]




fotografie







[altre foto]