image
Articolo
22 maggio 2020 - Il Fatto - Libia - Il Giornale
Otto Mig russi in aiuto di Haftar La Turchia minaccia rappresaglie
Fausto Biloslavo
Mig russi al fianco del generale Haftar, che minaccia di scatenare un bombardamento a tappeto conto i turchi in Libia, ma ormai nell\'assedio di Tripoli è con le spalle al muro dopo una serie di cocenti sconfitte. Il governo del sultano Erdogan risponde promettendo una dura rappresaglia, ma forse la notizia dell\'intervento di Mosca è vera solo in parte. In realtà servirebbe da deterrenza per non far passare ai giannizzeri libici di Ankara la «linea rossa» di un\'avanzata verso i pozzi petroliferi della Cirenaica, feudo di Haftar.
Il ministro dell\'Interno del governo di accordo nazionale libico (Gna), Fathi Bashagha, ha denunciato l\'arrivo di «otto aerei da guerra Mig 29 e Sukoi 24» in appoggio all\'autoproclamato esercito nazionale libico (Lna) di Haftar. I caccia sarebbero decollati dalla base russa di Hmeimim, vicino a Latakia e atterrati in Cirenaica. La notizia non è confermata e potrebbe essere una provocazione, ma poco prima Saqr al-Jaroushi, il capo delle forze aeree di Haftar, ha minacciato «la più grande campagna aerea della storia». In realtà i bombardamenti su Tripoli assediata da aprile stanno diminuendo dopo l\'ennesima sconfitta degli uomini di Haftar, che lunedì hanno perso la strategica base aerea di Al Watiya. Le forze di Tripoli stanno avanzando verso la roccaforte di Tharouna, l\'ultimo caposaldo di Haftar per mantenere in piedi l\'assedio della capitale. L\'obiettivo è farla crollare dall\'interno con accordi sotto banco.
Alle minacce di bombardamenti di Haftar i turchi hanno riposto di considerare le sue truppe «un obiettivo legittimo» se verranno colpiti in Libia. Nelle ultime disfatte i droni di Erdogan e i consiglieri turchi con sistemi di guerra elettronica sono riusciti a mettere fuori uso la contraerea russa Pantsir fornita dagli Emirati arabi all\'esercito di Haftar.
«Mig russi sono arrivati in Cirenaica, ma non è detto che siano 8 aerei da guerra e che ci siano caccia bombardieri Sukoi. È una mossa di deterrenza per fare capire che se Haftar venisse espulso dalla Tripolitania nessuno deve sognarsi di spodestarlo dalla Cirenaica» spiega una fonte occidentale del Giornale sul terreno. I piloti non sarebbero certo russi, ma egiziani, siriani o emiratini, alleati di Haftar. Gli unici voli tracciati sono due velivoli della compagnia privata di Damasco Cham Wings a Bengasi, che potrebbero aver trasportato armi e miliziani siriani. Ormai le parti in lotta reclutano nella martoriata Siria combattenti per il fronte libico.
Negli ultimi giorni si tratta ai massimi livelli con colloqui telefonici fra il presidente Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan e i rispettivi ministri degli Esteri. Ieri Mosca ha ribadito «l\'importanza di una cessazione immediata delle azioni militari e la ripresa del processo politico». Da Tripoli, però, il portavoce del ministero degli Esteri, Mohamed Qablawi, ha respinto qualsiasi tregua e l\'intenzione di «estendere il controllo della sicurezza su tutto il territorio libico compresa la Cirenaica».
[continua]

video
08 aprile 2011 | TG4 | reportage
Diario dalla Libia in fiamme
Diario dalla Libia in fiamme

play
22 marzo 2011 | TG5 | reportage
Diario dalla Libia in fiamme
Diario dalla Libia in fiamme

play
11 marzo 2016 | Tg4 | reportage
Colpe e bugie per gli ostaggi italiani uccisi
La ricostruzione del governo sulla drammatica vicenda dei 4 ostaggi italiani fa acqua da tutte le parti. E non mancano gravi responsabilità taciute da gran parte dei media. La matrice jihadista legata alle bandiere nere nel rapimento per autofinanziarsi è sempre più evidente, nonostante le smentite ufficiali. La trattativa c’era eccome a tal punto che è stato pagato almeno una parte del riscatto, come rivela l’unica sopravvissuta tunisina all’agguato che è costato la vita a due ostaggi Salvatore Failla e Fausto Piano. L’aspetto più grave e silenziato è l’avallo dell’Italia al raid del 19 febbraio contro un campo di addestramento del Califfato a Sabrata. L’obiettivo era Noureddine Chouchane un jihadista tunisino dello Stato islamico, che ha vissuto a lungo in Italia ed è stato espulso dal Viminale per motivi di sicurezza nazionale. Il premier Renzi ha dichiarato testualmente che si trattava “di un'azione di cui era informato il presidente della Repubblica, noi, francesi ed inglesi”. Sapevamo che gli ostaggi italiani erano a Sabrata, ma non abbiamo fatto nulla. Le bombe americane hanno rotto l’equilibrio di forze scatenando una guerra fra bandiere nere e milizie islamiste locali. Di mezzo ci sono andati due ostaggi italiani uccisi perché scambiati per jihadisti o peggio eliminati per rapinare il riscatto, servito a liberare gli altri due sequestrati, senza lasciare testimoni.

play
[altri video]
radio

26 agosto 2011 | Radio Città Futura | intervento
Libia
I giornalisti italiani rapiti a Tripoli


play

08 marzo 2011 | Panorama | intervento
Libia
Diario dalla Libia
Diario dalla Libia

play

12 maggio 2011 | Nuova spazio radio | intervento
Libia
Che fine ha fatto Gheddafi?
Il colonnello Gheddafi è morto, ferito oppure in perfetta forma, nonostante le bombe, e salterà fuori con la sua ennesima e prolissa apparizione televisiva? Il dubbio è d’obbligo, dopo i pesanti bombardamenti di Tripoli. Ieri è ricomparaso brevemente in un video girato durante un incontro, all'insaputa dei giornalisti, nell'hotel di Tripoli che ospita la stampa internazionale.

play

22 marzo 2011 | Panorama | intervento
Libia
Diario dalla Libia
Diario dalla Libia

play

18 marzo 2011 | Radio Capodistria | intervento
Libia
IL vaso di pandora
IL vaso di pandora

play

[altri collegamenti radio]




fotografie







[altre foto]