LIBRO E MOSTRA Gli occhi
della guerra
Gli occhi della guerra incrociati in tanti reportage in prima linea. Per questo gli occhi della guerra diventano il titolo di un libro fotografico. Un libro per raccontare, con immagini e sguardi fugaci, 25 anni di servizi dai fronti più caldi del mondo.
[continua]


REPORTAGE
Polveriera libica
la bomba
dei migranti
GHARYAN - “Libertà, libertà” gridano in inglese i dannati rinchiusi nel centro di detenzione di Gharyan, 70 chilometri a sud di Tripoli, costruito dagli italiani al tempo del colonnello Gheddafi. Semi nudi, in un lezzo di carne umana sotto chiave, i migranti economici provenienti dall’Africa occidentale intercettati dai libici infilano le braccia fra le sbarre dell’ingresso dei capannoni-celle gesticolando come ossessi per attrarre l’attenzione. “Vogliamo tornare a casa. Viviamo come bestie in condizioni terribili con cibo scarso e cattivo, pochi vestiti, dormendo per terra” dicono tutti dal minorenne della Costa d’Avorio ai cristiani giunti dalla Nigeria, ai musulmani del Sudan.
continua


image

I libri degli altri

imageDa Marrakech a Baghdad
Viaggio nel calcio di Allah

autore: Luigi Guelpa
editore: Limina
anno: 2007
pagine: 204
Benvenuto nel calcio di Allah non è solo un libro sul gioco più famoso del mondo all’ombra dei minareti. Pagina dopo pagina il riuscito gioiellino di Luigi Guelpa si rivela come un incastro di storie così poco conosciute, sorprendenti e talvolta imbarazzanti, che si leggono tutte d’un fiato.
Non si tratta del racconto classico sul mondo del pallone, seppure esotico, ma di uno spaccato della realtà islamica di molti paesi dove l’ultimo dei muezzin conta più dell’allenatore della nazionale. Se a Kabul anche le ragazze possono sognare Beckham con una squadretta di calcio tutto pepe e poco burqa è anche vera l’altra faccia della medaglia. I soldati della Nato in Afghanistan avevano pensato bene di regalare palloni, per far dimenticare la guerra. Sul cuoio hanno inciso le bandiere di tante nazioni, compresa quella saudita, che contiene i versi del Corano. Apriti cielo: i mullah sono insorti accusando gli “infedeli” di costringere gli afghani a prendere a calci l’Islam. I palloni sono stati ritirati. Nel libro di Guelpa non mancano storie del genere e anche più tragicomiche. Come la fatwa, l’editto islamico, che impone ai devoti musulmani il gioco del calcio in nome della guerra santa. Oppure la partita senza storia, fra la Francia ed il Kuwait, quando lo sceicco di turno voleva portare in campo un dromedario come mascotte. Di calcio me ne intendo poco, ma girando il mondo per raccontare la parte malata dell’umanità, travolta dalle guerre, ho imparato che Paolo Rossi o Del Piero sono dei miti universali. Con i volontari jihadisti alla corte di mullah Omar, il capoccia guercio dei talebani, che arrivavano dal Pakistan a Kandahar ho rotto il ghiaccio grazie ai mondiali di Spagna. La prima cosa che ti chiedono gli orfani di guerra di mezzo mondo sono quaderni, penne biro e palloni per giocare a calcio. Una partitella fra un bombardamento ed un’imboscata è il modo per rilassarsi di tanti soldati in missione all’estero. Dopo “Manicomio fra i pali” un altro gioiellino di Guelpa questo libro sull’Islam e il pallone, oltre alle curiosità, apre una finestra su un mondo inesplorato. I non addetti ai lavori resteranno affascinati da personaggi mai sentiti come Mido Hossam, centravanti e paladino del calcio egiziano, soprannominato nel libro l’Antonio Banderas delle piramidi. Per non parlare di Bernd Stange l’allenatore tedesco che ai tempi della dittatura di Saddam cercava di mettere in piedi la nazionale irachena sotto le bombe americane. Oppure Aziz Bouderbala, mito calcistico del Marocco, che nominato in un bazar ti permette di abbassare il prezzo di qualsiasi trattativa. Benvenuti nel calcio di Allah è anche un racconto di viaggi, di odori e sensazioni nel deserto attorno a Dubai o nel disordine organizzato di Marrakech. Forse non manca la fantasia, ma la penna dell’autore tratteggia abilmente calciatori dimenticati all’aeroporto, goleador brasiliani che si improvvisano inviati di guerra, centravanti che giocano nella squadra di Osama Bin Laden e allenatori mercenari in Sudan. Luigi Guelpa l’ho conosciuto quando dirigevo Notizia Oggi Vercelli, in mezzo alle risaie, in una delle mie tante vite giornalistiche. Dal primo momento avevo capito di avere di fronte un giovane con passione per un mestiere dove andare avanti con le proprie forze non è facile. Luigi non ha mai mollato e come per ogni allievo a cui ti affezioni vedevo nella sua baldanza professionale un po’ di me stesso. Per lui speravo in un futuro da inviato di guerra, ma invece ha scelto il giornalismo sportivo. Come dimostra questo libro ha fatto bene, anzi ha fatto gol.

Fausto Biloslavo







image